screen stars

Vestivamo alla Don Johnson

Miami Vice

Alzi la mano chi, almeno per una volta, non si è immaginato con quel completo bianco appoggiato mollemente sulla Testarossa d’ordinanza…

Stiamo parlando di Don Johnson, naturalmente, il biondo protagonista della serie più iconica degli anni’80, cioè Miami Vice, uno squarcio di sole nel grigiore autunnale milanese.

miami vice

Miami Vice e gli anni ’80

La trama di Miami Vice non era complessa e ricalcava le sceneggiature classiche delle serie americane.

Fin dal suo esordio, nel 1985, la serie raccontava le indagini e le pericolose operazioni di Sonny Crockett e Rico Tubbs, due detective interpretati da Don Johnson e Philip Michael Thomas.

Facciamo un passo indietro: era il 1984 e tutti impazzivano per MTV, per cui alla NBC pensarono di produrre un poliziesco confezionato per quel pubblico.

Partirono dalla musica, ovvio, ma anche dal look, dai colori e, ovviamente, dalla sceneggiatura, affidata a  Michael Mann, sceneggiatore di Starsky e Hutch che aveva già girato Strade violente  con James Caan.

Don Johnson

Gli anni ’80 poi sono stati gli anni dell’affermazione dell’ italian fashion system e tutta la serie è un tripudio di completi Armani e Versace, spalle larghe, colori pastello e mocassini senza calze.

Ma cos’è stato veramente Miami Vice? è stata la quintessenza degli anni ’80, con tutto il suo glamour e i suoi stereotipi, ma con la vagonata di sogni che ci ha fatto vivere.

E comunque con 112 episodi in cinque anni si può considerare un successo planetario e un’icona del decennio.

miami vice

Don Johnson e la sua Miami

Miami per noi sbarbati degli anni ’80 era un sogno: donne, musica, supercars, fuoribordo, alligatori, cocktail…

Era anche un posto molto pericoloso, come scoprirono quelli di noi che ebbero la fortuna di viverci, almeno per un breve periodo.

Terra di confine e porto di ingresso di una immigrazione caraibica selvaggia con uno strascico delinquenziale tragico, Miami alternava quartieri top a zone ad alto rischio dove anche abbassare un finestrino ti poteva costare carissimo.

In questo scenario di una Casablanca 2.0, inondata da un fiume di droga, sesso e nichilismo, sono ambientate le gesta di Sonny e Rico, uomini-immagine della Miami Vice Squad.

Inutile dire che quando nell’ 89  passeggiavo per il Deco District passavo il tempo a cercare gli angoli dove erano state girate le scene della serie.

Sonny Crockett

Don Johnson, the real Marlboro Man

La fine degli anni ’80 si portò via anche Miami Vice e c’era il rischio che Don Johnson scomparisse dalle scene come il suo socio, ma il ragazzo aveva stoffa.

Fra mille traversie (droga, alcool, soldi…as usual) Don Johnson lo ritroviamo ancora oggi sul piccolo schermo protagonista di Watchmen e reclutato anche nel Django di Quentin, passando per un assoluto capolavoro: Harley Davidson and the Marlboro man.

Non sorridete, prego…nella sua assurdità globale, quel film è un piccolo capolavoro del kitsch e dei luoghi comuni, surreale e postmoderno, insomma una cagata pazzesca.

Ma ci sono moto, armi, donne, risse e whisky…need else?

marlboro man

 

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top