Gente Ruvida

Perchè il Derby è anche nostro

derby club milano

E quando dico Derby parlo di quello di via Monterosa…
Voglio provare a spiegare ai non milanesi cosa è stato e cosa ha rappresentato il Derby per la storia del costume , della comicità e del contesto sociale di una città e, forse , per tutta l’Italia.
d’altronde, si sa, i Milanesi sono bauscia, per cui vale l’equazione Italia = Milano + qualcos’altro che non ricordo…

derby cartolina

Cos’era il Derby

Il Derby era un “tabarin”, un locale per tiratardi, che apre in Viale Monterosa , 86 in zona San Siro.

La vecchia osteria a San Siro si chiamava Gi-Go, poi Whisky a gogò.

I titolari, Gianni e Angela Bongiovanni, scommettono sulla Milano del boom operaio, dei nottambuli nei night e del jazz. L’investimento è di quelli importanti: 120 milioni di lire. Scommettono, ma il locale non tira.

È Angela, allora, a suggerire al Bongio «facciamo un posto dove si beve e si ascolta buona musica». Ha così inizio la Dolce vita di Milano. Il ristorante diventa il Derby, un omaggio agli scommettitori dell’Ippodromo. È il 1962.

La musica live, si direbbe oggi, ha nel tempo i nomi di Enrico Intra e Franco Cerri. Un giovane chirurgo, Vincenzo Jannacci, canta di un cane con i capelli e improvvisa con Dario Fo. Fanno tappa qui Charles Aznavour, John Coltrane e Quincy Jones.

Sui puff neri prendono posto il Charlie Krupp delle acciaierie e il miliardario Rocky Agusta, Mina e Alberto Lupo, Renato Rascel e Walter Chiari, Mastroianni e le Kessler. Francis Turatello si gode lo spettacolo con madre al seguito.

Insomma, avete capito, c’era tutta la Milano degli anni ’60, quella che aveva un cuore, un’anima e un’identità.

SE VI MANCASSE QUALCHE PEZZO

 

Il Derby e la scuola milanese

Già, ride anche la Milano della mala, al Derby. Cinque numeri a sera, mezz’ora l’uno. La direzione ha per un decennio il Gruppo motore formato da Enzo Jannacci, Cochi e Renato, Lino Toffolo, Lauzi e Andreasi.

abatantuono e soci

Al Derby nasceva e si consacravano talenti come I Gatti di Vicolo Miracoli, Faletti, IacchettiEnrico Beruschi va al Derby tutte le sere a raccontare le barzellette ai comici, finché qualcuno lo butta sul palco. È un successo. Francesco Salvi debutta con un sacco della spazzatura in testa: non ride nessuno. Diego Abatantuono al Derby è «a casa». Non per altro: il Bongio è suo zio e Rosa, la guardarobiera, sua madre.

Diego, grande Diego, immenso Diego: un caposaldo della “milanesità terrona”, praticamente il ruvido perfetto se non ci fosse quel suo problema di fede calcistica…

DIEGO FOREVER

Acquista su Amazon.it

eccezzziunaleveramente

Dal Derby allo Zelig

Nel 1981 il Bongiovanni ci lascia e, purtroppo, anche la sua creatura chiude i battenti nel 1985.

La sua eredità viene raccolta l’anno successivo dallo Zelig, frutto della collaborazione creativa di Gabriele Salvatores, Gino e Michele e il motore riparte, sfornando la nuova generazione di cabarettisti, fra cui Antonio Albanese, Aldo Giovanni e Giacomo, Gioele Dix, Gene Gnocchi, Maurizio Milani e Dario Vergassola.

Nel decennale dell’apertura, il passaggio sugli schermi Mediaset e, da qui in poi, il trionfo…

zelig

Ma non vi manca qualcosa?

Il mio problema che non riesco più a ridere come una volta: più il palco diventa enorme, più la comicità si stempera e la risata si diluisce.

È finita un epoca o sono solo io che conosco il finale di tutte le barzellette?

Ci sarà un altro Derby o il destino ci riserva solo Frank Matano?

ABOUT FRANK

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

To Top