Gente Ruvida

Perché Bill Murray meriterebbe l’Oscar

Bill Murray

Ma non lo acchiapperà mai… perchè Bill Murray dovrebbe riceverlo per una categoria tutta speciale: quella del più Ruvido.

Bill non è tipo da Oscar, Bill era amico di John Belushi con cui condivide l’atteggiamento nei confronti della vita e del sistema: cavalcare l’onda senza permetterle di travolgerti.

Bill Murray

Bill Murray, dal Illinois al Saturday Night Live

Il ragazzo non nasce proprio benissimo, famiglia numerosa, soldi pochissimi, provincia americana sfigata, per di più lo beccano con la marijuana e lo cacciano dal college, mettendo così la pietra tombale sul suo brillante futuro da paramedico.

Non che ci fosse portato, visto che fino a quel momento aveva dato il suo meglio come voce solista dei Dutch Masters.

Mentre intraprende la brillante carriera di aiuto pizzaiolo recita in una troupe di teatro d’improvvisazione, Second City Chicago.

 Questo è il punto di svolta della sua vita, perché  viene ripescato dal suo amico John che lo infila nel National Lampoon’s Radio hour a New York e successivamente nel Saturday Night Live.

Bill Murray

Il successo è un fantasma

Dopo le prime apparizioni cinematografiche passa quel famoso treno che ti capita una volta nella vita, il ciclone Ghostbusters, un successo talmente planetario che avrebbe rischiato di travolgere il nostro Bill.

Ma lui no, li spiazza tutti e scompare per quattro anni, visto che il pubblico non ha capito il suo film serio, Il Filo del Rasoio.

Ricompare per S.O.S.Fantasmi, tanto per cambiare, una rivisitazione della favola di Dickens in chiave comica, perchè Bill è sostanzialmente, un comico che vuole essere preso sul serio.

Dietro l’angolo c’è Ghostbusters II, questo vuole il mercato e questo va fatto, ma il ruolo di comedian comincia a stargli davvero stretto.

Anche se la maggior parte dei suoi ruoli riguardano personaggi comici, Bill comincia ad essere apprezzato anche come  un attore versatile e completo, interpretando anche diversi ruoli in film seri (o semi-seri), tipo Tutte le Manie di Bob e Ricomincio da Capo.

Ghostbusters

 

Bill Murray fa sul serio

Nel terzo millennio il cinema d’autore finalmente si accorge di Bill Murray.

Tra le sue interpretazioni vorrei citare quelle in I Tenenbaum , Coffee and Cigarettes  e Broken Flowers, senza dimenticare il ruolo che meglio gli sta addosso, col quale ha sfiorato l’oscar e vinto il golden globe, quello del protagonista di Lost in Translation.

Seguiranno anche Il treno per il Darjeeling, Ember , The Funeral Party  e Passion Play.

Nel 2012 interpreta l’ex presidente Franklin Delano Roosevelt in  A Royal Weekend, diretto questa volta dal regista britannico Roger Michell. Sempre nel 2012 recita in Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore di Wes Anderson, suo regista feticcio.

Nel 2014 è nel cast di Monuments Men con George Clooney. Sempre nello stesso anno torna a collaborare con Wes Anderson nel film Grand Budapest Hotel. Nel 2015 riceve una nomination ai Golden Globe come migliore attore protagonista in un film commedia o musicale per il film St. Vincent,

Per concludere, Bill è nelle sale in questo momento come Dead Don’t Die insieme alla solita banda di Jim Jarmusch, ma ben difficilmente l’Academy si accorgerà di lui.

 

Più che altro, un filosofo

Bill Murray è refrattario allo star system lui è ruvido dentro: non ha un agente, lo volete per un film? chiamatelo al cellulare, se avete il numero, ma non è detto che vi risponda…

La sua personalità è talmente devastante che il magazine americano Vulture ha estrapolato il Murray-pensiero condensandolo in sette punti:

-Canta, e credici mentre lo fai

-Sii Onesto con tutti e con te stesso

-Trova il tempo per i tuoi amici

-Sii sempre spontaneo

-Resta disponibile ai momenti magici

-Stai rilassato e il successo ti arriderà

-ricordati che tu sei tu e nessun altro lo è

Aria fritta? no, ragazzi, queste sono semplici regole che hanno fatto di Bill quello che è, cioè  una persona veramente unica.

Poi essere lui non è proprio facilissimo, ma questa è un’altra storia…

Bill Murray

 

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top