Icone

Il pulmino Volkswagen, simbolo di libertà

VW t1

Se pensate al ’68 e a quegli anni magici che seguirono, difficilmente riuscite a evitare l’immagine del Volkswagen T1, il Bulli.

L’idea stessa di viaggio, comunità e libertà si associano perfettamente ad un mezzo poliedrico robusto ed economico come quel magico pulmino.

La versione originaria, la T1, derivava dal maggiolino , con lo stile inconfondibile creato da Ferdinand Porsche.

L’i dea pare sia da attribuire all’importatore  VW olandese che vide un  maggiolino dimezzato e pensò di trasformarlo in un camper.

vw Bulli

I fanali rotondi e il paraurti leggermente arcuato fanno sembrare il frontale un viso sorridente e ti dimentichi anche che lo fanno in Germania…

Per fortuna il T2, la seconda versione, è stata prodotto dal 1968 in Brasile, luogo più consono alla simpatia del pulmino.

 

Da Woodstock al pianeta

Il grande successo portò la Volkswagen a produrre un numero incredibile di modelli. Basti pensare che nel solo anno in cui il T2 ‘venne alla luce’, ben 9.541 modelli vennero messi sul mercato.

VW T2

Volkswagen Kombi T2

Il costo iniziale dei furgoncini VW andava dai 1250 a 1900 dollari. Al giorno d’oggi invece gli stessi modelli verrebbero messi sul mercato a cifre ben più alte, da 44mila a 58mila dollari.

Circa il 20% dell’intera produzione è di colore blu chiaro, il più popolare della gamma Volkswagen. La massima velocità originale inoltre era di appena 104 km/h.

Tanto per intenderci, il  T6 California, discendente dei primi due modelli originali, va quasi il doppio , con una velocità massima di 193 km/h.

camper bulli

La fama dei modelli T1 e T2 ha superato la prova del tempo. La serie televisiva Lost li ha utilizzati come mezzi adoperati dal ‘Dharma Initiative’.

Nel 2011 invece la Lego ha dedicato uno splendido set al T2 per i nostalgici, con tanto di parabrezza diviso e arredamenti in stile rock & roll.

La produzione del Type 2 è proseguita molto a lungo, interrompendosi ufficialmente soltanto il 31 dicembre del 2013, in Brasile. Una lunga vita insomma, considerando la messa in vendita ufficiale avvenuta nel marzo del 1950.

Conviene comprare un Bulli Volkswagen?

È chiaro che un mezzo del genere si compra per simpatia, per amore, non certo per praticità.

Oggi potete trovare pulmini molto più performanti in ogni listino, ma sono, appunto, solo “pulmini”

Il Bulli è inconfondibile, suggestivo, iconico  ma di certo non è uno sfizio a buon mercato.

Se volete un T1 preparatevi a mettere sul piatto più di venticinquemila verdoni, se vi accontentate del T2 basta la metà.

VW Kombi T2

Ma l’avventura comincia dopo: il Bulli è un mezzo che probabilmente ha fatto tantissimi chilometri e i pezzi di ricambio costano…

Spesso i precedenti proprietari non hanno avuto molta cura del nostro amato pulmino specie i primi, per cui, come diceva il mio elettrauto, un guaio al giorno…

Ma l’amore e la libertà spesso non vanno tanto d’accordo con la ragionevolezza, per cui…

In alternativa, è in uscita il nuovo modello che si chiamerà I.D. Buzz, naturalmente elettrico, naturalmente inutilmente performante e carissimo.

La scelta è vostra…New Bulli

 

 

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top