Fashion News

Camicia da uomo: risparmiare con 5 mosse

george clooney camicia

“Bona camicia a tutti” era il claim reso famoso da Maurizio Costanzo quando aveva ancora una parvenza di collo e, in effetti, una camicia bella, ma, soprattutto, “bona”, fa la differenza fra il bilfolco e il gentiluomo.
Vediamo come, senza diventare matti, il gentleman può risolvere il problema, quando il dress code non consente polo, felpe e t-shirt.

SHOPPING PER CHI NON HA TEMPO

Meglio poche ma buone

Il vecchio adagio delle mamme  “chi più spende meno spende” offre alcuni spunti di riflessione.

La qualità ha il suo bel perchè, credetemi: la camicia “seria” deve essere almeno 100% cotone e cucita dritta, altrimenti si vede e si sente…

Tutto questo si paga, quindi, se volete una camicia decente, meno di tot non si può pensare di spendere e i cinesi al massimo possono ricamare le iniziali!

Consideratelo un investimento, un biglietto di ingresso al mondo dell’outfit da “uomo”, come un bel paio di scarpe.

Distinguiamo comunque fra camicia formale e camicia casual o informale.

william

PER CHI NON AMA USCIRE DI CASA

Camicia formale: meglio su misura

La camicia da uomo formale è importante nell’outfit: il colletto è drammaticamente vicino alla vostra brutta faccia, quindi si noterà moltissimo, per esempio in un colloquio di lavoro, soprattutto se è:

troppo stretto (effetto Fantozzi)

troppo largo (effetto “me l’hanno prestata la devo restituire”)

consumato e/o sporco (effetto clochard)

A meno di enormi botte di culo, il colletto giusto è fatto su misura, con la conseguenza interessante che anche il resto della camicia sarà adeguato al vostro fisico, quindi non sarà un lenzuolo da fantasma o tirerà sulla panza e i polsini, altro particolare rilevante, non saranno troppo larghi o lunghi.

Quindi fatevi un tot di camicie su misura, ma non fatevi prendere dal panico: oggi si possono trovare anche a prezzi possibili, sotto o entro i cento euro, a seconda dei tessuti.

Io suggerirei almeno due o tre di cotone bianco e oxford azzurro che, bene o male, potrete sfruttare sempre.

Con un maggior budget potete includere fantasie “tranquille” a righe verticali tipo bianco/azzurro o quadretti, senza farvi prendere troppo la mano.

Un tempo i gentiluomini avevano nel guardaroba almeno 48 camicie nuove e le buttavano nella spazzatura molto spesso, per cui regolatevi…

camicie business

Camicia casual: cercate gli indirizzi giusti

Alla camicia da weekend wear non si richiede così tanta “precisione”, si può andare più easy sia sul collo, che resta sempre aperto, sia sul polsino, visto che spesso le maniche si arrotolano o vengono coperte da un golf.

A me la camicia da uomo piace bella precisa comunque, per cui preferisco il taglio slim o extra slim soprattutto se va portata fuori dai pantaloni, quindi meglio piuttosto corta, anche se odio la camicia fuori dai jeans che spenzola fuori da una giacca.

Astenetevi da colli doppi, tripli e doppi bottoni, polsi in contrasto e camicie patchwork: certa roba dovrebbe essere nel dimenticatoio come il tamagochi.

Comunque per camicie sportive potete cercare un pò ovunque, soprattutto nei saldi, ma occhio alla composizione del materiale, solo cento per cento cotone, please!

Logico, se cercate Ralph Lauren, Etro, Burberry, Altea o altri brand di riferimento e volete risparmiare, non vi resta che rivolgervi agli outlet, quindi date un occhio al sito…

Un consiglio: mettete sempre nel guardaroba camicie tinta unita tipo blu (o nera, se vi piace, a me no), rossa o verde army, sono perfette sia per l’outfit da tempo libero sia per le “vie di mezzo”, tipo serate informali.

Ah, io una camicia di jeans la terrei sempre appesa nell’armadio, è chic e non impegna.

Bonolis

DATE UN’OCCHIATA…

La manutenzione, per una lunga durata

Se fate un investimento, quindi camicie su misura o, comunque di buona qualità, dovete puntare a preservarlo il più possibile.

Quindi parlate col camiciaio e fatevi dare collo e polsi di ricambio, torneranno utili.

Attenti ai lavaggi, mi raccomando e occhio alle tintorie (solito discorso, meglio un euro di più…)

Se volete essere sempre in ordine,  mettete la camicia al massimo due volte, se riuscite a non macchiarvi, prima si metterla nel cestone.

Come è meglio piegarla? Se non vi serve per viaggiare, va meglio appesa sulla gruccia, altrimenti, per entrare in una valigia, deve essere piegata in maniera tradizionale.

Occhio all’orologio, specie col bracciale di metallo che “mangia” il tessuto, anche se, vi prego, astenetevi dal portarlo sopra il polsino.

L’avvocato Gianni Agnelli non necessita di imitatori.

gianni agnelli

 Qualche indirizzo utile

Ci sono in giro tanti camiciai bravi, io vi raccomando…

Andrea Canevelli, di cui ho già scritto, fa le cose fatte bene e costa il giusto, andate a nome mio…

La catena Sette Camicie ha una bella scelta di camicie sportive a un prezzo interessante (69,00 €) e fa anche delle promozioni tipo 3 per 100 euro ( La qualità è discreta).

Un negozio dove trovate sia il pronto che il su misura, con anche una bella scelta di camice informali di ottimo gusta è De Molfetta in Corso Vercelli a Milano.

Se volete un outlet di riferimento, per le camicie sportive andrei da Matias, dove trovate, fra l’altro, Ralph Lauren e Burberry’s.

Oppure, per il classico e il formale, l’outlet di Boggi e quello di Nervesa.

Da segnalare anche la new entry Coral, una camiceria siciliana in Piazza Tre Torri (Milano CityLife) con pronto e su misura da 80 a 120 € che promette bene, a giudicare dalla scelta dei tessuti.

Il fascino di Paul Newman, invece, non lo trovate da nessuna parte, mi spiace…

paul newman camicia

ACCESSORI UTILI

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top