tony stark
Gente Ruvida

Addio Tony Stark, ci mancherai

Tony Stark è morto e dobbiamo farcene una ragione.

La notizia è di quelle dirompenti, una bomba di spoiler, per chi non avesse visto ancora Avengers-Endgame

Tony Stark, cioè Iron Man, cioè Robert Downey Junior, lui, proprio lui. Ma che? Ve lo devo spiegare?

Mai come in questo caso c’è una identificazione perfetta fantasia/realtà: l’uomo, l’attore e il personaggio che si fondono in una nuova icona planetaria.

Chi è Tony Stark

Il ragazzo “mi nasce bene”: figlio di un geniale milionario specializzato nelle armi, non può che seguire il destino paterno, ereditando anche il Q.I. paterno, oltre che il patrimonio.

Brutto non è, stiamo parlando di Robert Downey Junior o RDJ, cosa che gli garantisce un rilevante successo con il gentil sesso (ma dai! Ricco, bello e genio. Chi l’avrebbe detto?)

Robert Downey Junior

Iron Man

Ad un certo punto si becca una scheggia di granata nel cuore e si inventa un aggeggio intorno al quale crea l’armatura scintillante di Iron Man, il supereroe che sbanca i botteghini in tutto il mondo.

Connsiderate che questo ruolo ha consacrato RDJ come l’attore di Hollywood più pagato in assoluto nel 2015 (80 milioni di dollari e scusate se è poco), facendogli svoltare una carriera messa in pericolo da due periodi di detenzione nelle patrie galere per storiacce di droga.

Oggi RDJ è un uomo nuovo, il prototipo del divo 3.0: brillante, atletico ( si tiene in forma facendo Wing Chun (come me , ehm…) super-ricco e cool, dannatamente cool…

Wing Chun Robert Downey Junior

Cosa fare per essere Tony Stark?

Fosse facile…dai, proviamoci!

Ricchezza: abbiamo detto che è spaventosamente ricco e lì c’è poco da fare, non è la sede ideale per insegnare sistemi che vadano oltre il Superenalotto.

Supereroe: Poi c’è il piccolo dettaglio dell’essere un supereroe, che non è un ostacolo di poco conto, ma almeno provate ad avere un fisico come quello di Robert, dateci sotto col Kung Fu!

Genio: l’essere un genio non è cosa da poco, ma se avete la terza media, o avete passato ragioneria a botte di culo, dovete provare a buttarla sulla simpatia, sperando che non si notino le lacune strutturali.

tony stark

E lo stile Tony Stark?

Ci giochiamo tutto lì, cercando di mescolare bene le carte.

Sarebbe carino partire da una Audi R8, ma anche una qualunque coupè può bastare.

tony stark

 

 

Robert Downey Junior lo si vede spesso con degli impeccabili completi sartoriali, abbinati a cravatte monocrimatiche, ma Tony Stark è spesso in T Shirt grigia, in felpa o addirittura in tuta, perché LUI può permetterselo, soprattutto quando si muove nel suo laboratorio .

Una cosa è sicura, porta lo smoking da dio, con nonchalance come se fosse la felpa del laboratorio, cosa che lo rende a titolo definitivo la versione Pop del Grande Gatsby per il terzo millennio.

Capelli scompigliati, barbetta finta trasandata, piglio da play boy (ricordate Jean Paul Belmondo? Ecco, aggiungete Errol Flynn e ci siamo), un sorriso ironico che fa incazzare il mondo, questo è il segreto…

Provateci, basta crederci, no? E poi, perché limitarsi a Gwynett Paltrow?

tony stark

E adesso, per noi orfani del mito?

Ok,Robert gode di ottima salute ma Tony è morto da eroe per salvare l’universo da Thanos lasciandoci tutti basiti e increduli.

Chi prenderà il suo posto? nei nostri cuori ovviamente nessuno, ma nell’universo Marvel il vuoto verrà colmato da Pepper?

L’abbiamo vista con una sfavillante armatura costruitale dal consorte, per cui, visto il caratterino dell’ex segretaria, molto tosta la Gwynett, presto occuperà la casella vacante negli Avengers.

Ma niente ci restituirà quel dandy playboy dal sorriso ironico testimonial ideale del gruppo Audi…

Addio Tony Stark, ci mancherai
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top